Questo sito utilizza cookies per le proprie funzionalità.
Il nostro sito utilizza cookie, anche di terze parti, per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Per maggiori informazioni e leggere l’informativa estesa, clicca su "Maggiori Informazioni". Per abilitare/disabilitare le varie tipologie di cookie del nostro sito, leggi il paragrafo dedicato nell'area della cookie policy, per avere immediatamente accesso al sito accettando quindi i cookie, clicca su “OK, ho capito e accetto”. Chiudendo questo banner acconsenti a tutti gli effetti all’uso dei cookie. Diversamente, potrai abbandonare il sito.

VENEZIA ART EXPO. I premiati:

Questi i primi tre classificati - selezionati da Luca Beatrice, Angelo Crespi e dal Comitato Scientifico di Effetto Arte.
A ciascuno un premio di 3.000,00 euro.

Sinisha Kashawelski
“Dolor ac furori”. Per la tecnica con cui prosegue la linea della figurazione, innestando temi del concettuale. Tra iconografia sacra e segni della contemporaneità, l’artista di origine macedone ha presentato un’opera che riassume alla perfezione le possibilità della pittura di stampo tradizionale di approcciarsi al moderno senza mai diventare banale.
Vesna Pavan
“Little Passion” - L’artista friulana, milanese d’adozione, prosegue la sua ricerca sui materiali con una serie di opere dal titolo “Skin”, in cui la materia – sulla scorta di Burri e della pop art americana, nonché del miglior spazialismo italiano – diventa l’elemento dominante, una sorta di seconda pelle che, sciogliendosi, conferisce alla tela un’ulteriore dimensione, perfino temporale, mascherando o lasciando intravedere lo spazio retrostante.
Alessandro Galanti
“L’orgoglio di due fratelli” - L’artista milanese prosegue, reinventando, la grande tradizione della scultura e dell’oreficeria italiana. Il risultato sono opere in cui la grande sapienza dell’handcraft si mischia a una sensibilità innata, così che la luce e i filamenti in metallo d’oro, mischiandosi ad altri materiali come il legno e la pietra, riescono nella lucentezza e leggerezza e preziosità a esaltare i sentimenti che si vogliono esprimere.
 

Menzioni speciali, conferite da Angelo Crespi - pubblicazione Articolo su "Ilgiornaleoff" inserto del quotidiano "Il Giornale" a:

Zoran Petrusic, Things thinks day first.
Un’opera di dimensioni ridotte nella quale si esalta l’abilità tecnica del disegno più tradizionale in bianco e nero, un ritratto maschile, a cui si aggiunge una piccola nota astratta che attraverso il colore rende l’approccio segnico geometrico il punto focale del lavoro.
Patrick Pioppi, Sfida a Manhattan
Un lavoro che esprime una grande capacità tecnica, di come la pittura tradizionale non iper realista può competere ancora con la fotografia. La composizione ben proporzionata, coglie l’attimo di sospensione del movimento che sta per avvenire ma che viene invece glacificato per sempre in uno stupendo bianco e nero.
Betty Anderson, The cracked Bowl
Per la composizione e il virtuosismo iperrealista.
Eva Otteström, Life is not always what it seem to be
Per l’uso del colore e di un tratto assolutamente contemporaneo.
Lady Be, Marylin
Per la tecnica del collage reinventata con materiali plastici.
Churba Poli, Sinectica
Per l’utilizzo della tecnica digitale così da ripetere in chiave contemporanea il movimento tipico dell’arte cinetica anni Sessanta e Settanta.
Keith Plummer, Loki the shape shifter
Per l’utilizzo di materiali poveri e organici, ready made, ridefiniti però come opera d’arte mediante l’intervento dell’artista.
Valentina Pucci, Diamante
Per la capacità con la quale reinventa la tecnica del pastello acquerellabile.
Mario Bova, il pianto
Per la capacità tecnica con cui usa la matita per comporre un’opera iperrealista.
Giannino Scorzato, il saggio del villaggio
Per l’inedita tecnica a matita con la quale, sulla scorta degli iperrealisti americani alla Chuck Close, compone un ritratto di grande efficacia.
Anna Izzo
Per la capacità tecnica con la quale in fusione di bronzo realizza un cuore nella sua essenzialità di organo, di grande impatto materico.

 

Premiati da Marco Rebuzzi
Esposizione presso Museo Diocesano Francesco Gonzaga - Mantova a:

Albei-Wigger Nicoleta
Antal Yolanda
Aridi Quazim
Alvisini Nicoletta
Asnaghi Alice
Battistelli Simona
Bertucci Maria Grazia
Capomolla Mariella
Caraman Daniela
Di Prospero Gino
Flaminio Filippo
Galanti Alessandro
Gallo Carla
Izzo Anna
Leccese Roberto
Magugliani Giovanna
A_Masera
Mcmuller Andreas
Montanez Ale
Papa Alessio
Petrosyan Rudik
Pinto Vincenzo
Saccà Salvatore
Sinisha Kashawelski
Trudesti Benedetta
Violet Moon

Premio Effetto Arte – Esposizione permanente presso Ea Gallery Club di Palermo e pubblicazione dell’opera con testo critico su www.eagalleryclub.it:

Bartolini Daniela
Battistini Gisella
Belloni Giulio
Bona Paola
Burgio Maria Antonia
Caragherghi Natalia
Cassone Marika
Castiglione Carmelo
Castoro Anna
Cocco Gabriella
Colaiacovo Anna
Costa Sabrina
Covielli Lucchini Miriam
De Rosa Ornella Dro
Denti Annalisa
Ejlli Alfred
Farini Mario
Ferrari Andrea
Fraia Alfonso
Frigo Giacomo
Gentile Luca
Ghidini Francesca
Kieth Rosaly
Latini Fulvia
Longaroni Anna Rita
Longhitano Ruffilli Laura
Mendoza Carlos
Morosi Fabrizio
Muller Chiara
Nebiolo Amanda
Orsato Loria
Pattarello Giuliana
Paternò Bianca Maria
Pennesi Laura
Pilato Ylenia
Piro Gaetano
Rosati Claudio
Saladino Donatella
Sarzi Amadé Irene
Sbogiò Alessandro

 

SPONSOR & PARTNERS